loading...

IL NO VOLA AL 76% RENZI È FINITO NON SA PIÙ COSA FARE!

14787050_311102002595239_1339891119_o

Roma Blog, siti on-line, social network per monitorare l’aria che tira sul Referendum Costituzionale del 4 dicembre. E magari farsi un’idea sull’intenzione di voto. L’analisi è stata condotta da «Reputation Manager», istituto italiano leader nell’analisi e misurazione della reputazione online di brand e figure di rilievo pubblico. Diciamo subito che secondo questa prospettiva di analisi a oggi il «No» vincerebbe facile. C’è un 76,18% di commenti contro il Decreto Legislativo proposto dal Ministro Boschi e un restante 23,55% a favore. Bello scarto. La maggior parte dei commenti si trova all’interno delle testate giornalistiche (36,6%), seguono blog (21,1%) e siti di news (19,1%).
Cominciamo dalle ragioni di chi sostiene il «No». Innanzitutto è criticata la scelta della data, a ridosso del ponte dell’Immacolata «per scoraggiare i cittadini a presentarsi alle urne». C’è chi fa notare che non c’è abbattimento dei costi, un esempio è dato «dal fatto che il Senato sarà riempito di sindaci e consiglieri regionali che godranno dell’immunità parlamentare». «Inoltre – fanno notare molti internauti – si cerca di distogliere gli italiani dal votare «No» prospettando «presunti scenari apocalittici come meno sicurezza contro il terrorismo, meno risorse per fronteggiare l’Isis e aumento dello spread».
Quelli che invece tifano per il «Si» sostengono che la riforma della seconda parte della Costituzione «rappresenta l’opportunità di dotare il Paese di stabilità rendendolo maggiormente credibile nei confronti dell’Europa». Ritengono anche che si «abbatterebbero i costi della politica e delle province». E che votare sì «potrebbe essere un investimento per le nuove generazioni».
All’interno delle conversazioni on-line il protagonista è sempre Matteo Renzi, citato nel 54% delle conversazioni, seguito dal Movimento 5 Stelle (24%) e dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella (12%). Il Premier viene criticato per la personalizzazione del voto, poi ritrattata. E per certe false promesse utili come la riduzione di politici, in realtà irrisoria: solo 215.
Capitolo Social Network.
Anche qui spopola il «No». Il 67% delle pagine Facebook che parlano di Referendum Costituzionale sono promotrici del «No» (totale di 64.994 fan), il 30% del Sì (con un totale di 10.929 fan) e il restante 3% (totale di 224 fan) hanno solo scopo informativo e quindi nessuna connotazione politica. Si nota, insomma, che c’è poco spazio nel mondo di Facebook per l’informazione non politicizzata. Quanto a Twitter sono stati rilevati 551.000 tweet riguardanti il Referendum e quasi 53.000 utenti attivi. La classifica degli hashtag è guidata da «Io voto No» con il 37% dei tweet. Seguono una miriade di contatti non superiori al 12%. Polvere. Siamo vicini al plebiscito?
Fonte :
http://m.ilgiornale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *