loading...

La piccola Sofia schiacciata da uno scaffale. Tutto il dolore della comunità

image-8-300x300

loading...

A Sinnai, nel cagliaritano, è il giorno del dolore. Oggi sono stati celebrati i funerali della piccola Sofia Saddi. La bimba, due anni il prossimo dicembre, è rimasta vittima del tragico incidente che l’ha uccisa. Uno scaffale, su cui vi erano decine di cartoni di pizze, l’ha infatti travolta all’interno di un supermercato, nella zona industriale di Elmas alle 14.00 del pomeriggio. La piccola si trovava con i suoi genitori al centro commerciale Metro quando si è consumata la tragedia, era sul suo passeggino, così come previsto dal regolamento del centro commerciale. Forse a causa della rottura di un perno della scaffalatura o per ragioni non ancora accertate, ma una pedana su cui erano poggiati circa 300 kg di cartone, si è sganciata provocando il terribile incidente. La piccola è stata travolta sotto gli occhi impotenti dei genitori e a nulla sono valsi i pronti soccorsi accorsi sul posto. E oggi l’intera comunità si è stretta attorno al dolore della famiglia. Il comune ha proclamato infatti il lutto cittadino e ha mantenuto le bandiere a mezz’asta fin dalle prime ore del mattino. Alessio e Valentina, i genitori della piccola, hanno raccolto l’abbraccio delle moltissime persone accorse ad assistere alla camera ardente di una piccolissima bara bianca coperta di fiori. Alle 15.30 di questo pomeriggio sono stati celebrati i funerali della bimba nella parrocchia di santa Barbara a Sinnai. I carabinieri della Compagnia di Cagliari hanno iniziato oggi a sentire i primi testimoni con l’intento di ricostruire la dinamica di quanto accaduto. Il pm Andrea Massidda ha aperto un fascicolo per omicidio colposo senza nessun nome ancora iscritto nel registro degli indagati  e si occuperà anche di valutare le norme di sicurezza che regolano l’attività del market. L’azienda ha già dichiarato di voler mettersi a disposizione delle autorità per qualsiasi ulteriore approfondimento necessario.

Fonte: direttanews.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *