loading...

SIGARETTE VIETATE DA GENNAIO 2017: UFFICIALE!

95960_14198696711374836418sigaretta

loading...

Giunge oggi il provvedimento, ratificato dalla corte europea, che vieta definitivamente il mercato delle sigarette tradizionali a partire da gennaio 2017. 

Giunge oggi il provvedimento, ratificato dalla corte europea, che vieta definitivamente il mercato delle sigarette tradizionali a partire da gennaio 2017. Una legge che giunge come un fulmine a ciel sereno e che stravolge i fatturati statali, e i monopoli. Il parlamentare europeo, Norizi Chiuchis, autore e primo firmatario della legge, ha detto: ” Il fumo di sigaretta è, ormai, una piaga internazionale.

Fa male a tutti, questo è ormai risaputo oltre che confermato da numerosi studi. Come avrete notato, il prezzo delle bionde, negli ultimi anni, è salito vertiginosamente e questo non è un caso. Infatti, abbiamo cercato, con ogni modo, soprattutto attraverso quello economico, di far calare il numero dei fumatori abituali. Obiettivo, però, non realizzatosi affatto. E allora, secondo un accordo comune raggiunto in nottata, abbiamo deciso di togliere dal mercato le sigarette”

E a chi gli dice che adesso rifiorirà il mercato del contrabbando del tabacco, Norizi risponde: “Effettueremo controlli serratissimi. Non rifiorirà il contrabbando, anche perché molte industrie e molti terreni coltivati a tabacco saranno riconvertiti in qualcos’altro, a seconda della volontà del proprietario.

Daremo una sorta di buonuscita a chi uscirà dal mercato delle sigarette, a tutti quei fornitori, produttori e operai dell’industria del tabacco. Insomma abbiamo fatto le cose per bene, nessuno potrà lamentarsi”.

Tenetelo bene a mente quindi, dal prossimo gennaio non si potrà più fumare in Italia. Qualche temerario sta facendo una scorta enorme delle stecche più diverse. Altri addirittura hanno deciso di trasferirsi in America o nel Regno Unito. Il provvedimento, infatti, sarà attuato, per chi non l’avesse ancora capito, in tutta Europa.

Da: http://www.ilfattoquotidaino.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *