loading...

Virginia Raggi sospetta il complotto: “Troppi frigoriferi abbandonati in strada”

“Non ho mai visto tanti rifiuti pesanti, divani, frigoriferi abbandonati per strada. Non so se vengono fatti dei traslochi, se tanta gente sta rinnovando casa, ma è strano…”, ha detto la prima cittadina in un’intervista rilasciata a Mario Calabresi.

loading...

small_160829-142023_to290816cro_64-2-300x225

 

A Roma ci sono troppi frigoriferi abbandonati in strada e la sindaca Virginia Raggi teme il complotto. “Non ho mai visto tanti rifiuti pesanti, divani, frigoriferi abbandonati per strada. Non so se vengono fatti dei traslochi, se tanta gente sta rinnovando casa, ma è strano…”, dice la prima cittadina in un’intervista rilasciata a Mario Calabresi.  “Ma sta dicendo che lo fanno apposta? Forse ci sono sempre stati ma lei non li notava?”, incalza il direttore de La Repubblica. E Raggi: “No, eh no. È un po’ strano, ci sono frigoriferi che invece di essere portati all’isola ecologica vengono buttati vicino ai cassonetti e non è mica un lavoro semplice portarli lì, non so neanche come facciano. Però il frigorifero è già tutto sfondato e graffiato. Mi sembra strano”.

La prima cittadina però ammette di non conoscere la provenienza di questi frigoriferi e soprattutto chi possa portarli in strada. “Ci sta dicendo che vede un disegno più grande dietro tutto questo?”, chiede ancora Calabresi. La sindaca glissa: “Noi vogliamo ricostruire un sistema che era stato abbandonato. Le faccio un esempio: quando eravamo all’opposizione sentivamo che si voleva svendere Atac a Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) poi abbiamo cominciato a intuire un disegno per andare alla privatizzazione, ora al Senato c’è una mozione di Pd e Forza Italia per commissariare Atac e farla gestire a Rfi. C’è un disegno fatto sulla testa dei cittadini: il pubblico funziona male se viene messo in condizione di funzionare male”, spiega.

“Troppi rifiuti pesanti in strada”: l’allarme non viene solo dalla sindaca

Tra i Cinque Stelle non è solo la sindaca a rilevare il dato di troppi rifiuti pesanti abbandonati in strada. Per esempio Domenico D’Orazio, assessore al Municipio III di Roma ha scritto su Facebbok: “Qualcosa mi dice che sotto c’è qualcosa. Tutto troppo e tutto insieme”. Ma nei commenti precisa: “Non ho parlato di complotto, sto solo costatando un fatto evidente”. Paolo Pace, vicepresidente grillino del Municipio VIII va oltre. Posta una foto su Facebook e scrive: “Questa mattina un nostro consigliere si è imbattuto in un rovistatore che gettava a terra tutto quello che estraeva dal cassonetto. Il nostro consigliere ha chiesto il motivo di tale comportamento inqualificabile e la risposta è stata sorprendente: l’uomo ha dichiarato che era stato incaricato da qualcuno di comportarsi così. Come Amministratore auspico che la risposta sia stata dettata solo da una giustificazione momentanea e non sia sintomo di una precisa strategia”.

Fonte: fanpage.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *